www.DirittoAlGioco.net

Ravenna e la cultura ludica partecipata

 

index - introduzione - attività - tema - archivio - gruppo promotore - opinioni - logo

Introduzione festa 25 maggio 2014

Festa del 25 maggio 2014 - II edizione

festa diritto al gioco 2014 ravenna link a volantino

sponsor
Si ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio per il maggior contributo economico riconosciuto a questo progetto, presentato dall'associazione La Lucertola nel bando del settembre 2013. Contribuiscono economicamente, ma in misura minore, la stessa Ass. La Lucertola, Legambiente, Arci provinciale e Coop Aquileia, Geniali da Piccoli. Si ringrazia da subito la lunga lista degli altri soggetti collaboranti.
Ad anticipare la Festa, la conferenza del 20 maggio 2014 dal titolo C'E' GIOCO E GIOCO, con R. Farnè e Laura Casanova- vedi volantino
Scarica articolo per le testate giornalistiche e vedi articolo realizzato da RomagnaMamma.it e si ringrazia RavennaNotizie, le belle foto esposte nella pagina facebook di SeStante
volantino link volantino
scarica il volantino promozionale
manifesto plurilingue ingrandimento
Il primo manifesto plurilingue che promuove iniziative dedicate all'infanzia

Liberiamo il gioco”, è con questo slogan che si è promossa la seconda edizione della "Festa del Diritto al gioco" tenutasi nel pomeriggio del 25 maggio presso il parco Manifiorite di Ravenna.
Un nutrito gruppo di organizzazioni locali hanno contribuito a creare un evento carico di possibilità di gioco e relazione per i minori di età e per coloro che li hanno accompagnati, attraverso la ricerca fondi e saltare pneumatici ingrandimento coordinamento volontariamente offerti dall'associazione La Lucertola.
Assieme a questo, chi si è coinvolto nel percorso di avvicinamento alla Festa ha anche potuto condividere significati relativi alla cultura ludica partecipata: a mezzo e promozione del gioco - e del giocare libero, gratuito, auto gestito ed auto organizzato nelle attività, nei tempi, nei luoghi, nelle relazioni interpersonali - arrivare a costruire cultura e relazioni interpersonali significative, vivendo da protagonisti il dinamismo delle stesse a beneficio della comunità.

Ad anticipare l'evento il 20 maggio si è realizzata la conferenza C'E' GIOCO E GIOCO, che ha visto la presenza di Roberto Farnè dell'Università di Bologna, Dipartimento di Scienze della Qualità della Vita, assieme a Laura Casanova (psicoterapeuta e componente della neonata associazione Psicologia Urbana e Creativa), tenuta presso l'aula magna del Liceo artistico di Ravenna, dalle 17,00 alle 19,00 - per un resoconto vedi Conferenza 2014

MAPPA DELLE ATTIVITA' REALIZZATE E DOCUMENTATE DURANTE LA FESTA
per facilitare la presa visione dei diversi contenuti che si sono realizzati durante la Festa del Diritto al gioco del 2014 si è generata una Mappa delle attività, oppure sfogliando le pagine linkate qui di sotto, si accederà ai singoli contenuti della Festa, tutti descritti con foto e testo.
Vedi versione bambine carrettini strada ingrandimento della mappa in pdf - 670Kb), con lista degli effettivi collaboranti.

“Liberiamo il gioco” è la frase-slogan scelta per tematizzare questa seconda edizione della Festa del Diritto al gioco di Ravenna. Essa è stata scelta perchè indicativa di una situazione (frustrante ed attuale) in cui i bambini e le bambine del nostro contesto socio-culturale moderno – purtroppo - vivono in maggioranza. Di una situazione e condizione culturale in cui gli adulti ancora non hanno compreso appieno che “giocare” non è un'opzione ma un elemento essenziale. Un concetto chiave ben espresso da Roger Hart - noto per la sua Participation Ladder - nel brevissimo ed emozionante video "This is me" a promozione dell'articolo 31 della Convenzione dei Diritti di Bambini (ad opera dell'IPA, International Play Association) in cui si informa come il gioco garantisce piena maturità fisica, mentale, emotiva e socio-relazionale a chi lo pratica, soprattutto se si tratta delle nuove generazioni.
In sostanza, il Diritto al gioco non lo si misura nel risultato di una Festa (seppure anche per quest'anno essa è stata coronata da grande partecipazione, vissuta in un'atmosfera serena e gioiosa), ma se per tutto l'anno si possa giocare liberamente e all'aperto tutti i giorni, riuscendo ad esercitare la libera scelta sul luogo, con chi, quando, e a cosa giocare. Il breve e conciso messaggio di Roger Hart coglie in controtempo coloro che usano il gioco come "strumento educativo" ed inappropriatamente in forma di ricatto/punizioncostruire con le scatole ingrandimento e. Tipica la frase: “se non ti comporti bene non esci fuori a giocare”... come lo rivelano i bambini/e a cui è stata rivolta l'indagine nelle scuole per fare luce alla domanda: Quali sono gli ostacoli che ti impediscono di andare a giocare all'aperto?
Sin dal primo pomeriggio e vestiti dalla maglietta che ha caratterizzato il personale di servizio, in tanti si è contribuito per dare il via alla Festa, predisponendo i vari luoghi o aree di attività con centri di interesse ludico, gratuiti e a libera scelta di frequentazione.
La Festa è stata una coerente occasione per mettere in mostra slogan e manifesti elaborati nelle scuole elementari dalle nuove generazioni a promozione del Diritto al gioco, materializzando in altra forma espressiva-comunicativa la "voce dei bambini/e, rispondendo all'articolo 12 della Convenzione sui Diritti dei minori di età. Le attività dei laboratori scolastici oltre all'elaborazione di slogan sono state appunto anche occasione per l'indagine sugli ostacoli che impediscono ai bambini/e di giocare all'aperto, e soprattutto di fattibili ed accessibili strategie di superamento delle barriere al gioco libero e all'aperto - che sarà oggetto di piccola pubblicazione ed ulteriore futura ricerca.
Altri contributi sono pervenuti da alcune classi della scuola elementare Moretti di Punta Marina (in seguito al progetto di arricchimento "Messaggi in bottiglia") e C. Balella di Piangipane (con il progetto di arricchimento "Generi e giocattoli - giocare la differenza di genere"), entrambi sono stati messi in mostra all'interno del centro Quake, creando un piccolo display di giocattoli costruiti con materiali di risulta, dimostrando quanto sia possibile divertirsi con poco.
Nel centro Quake è anche avvenuta l'inaugurazione della mostra di aquiloni a ricordo di Medio Calderoni, il poeta delle comete o tappezziere del cielo, preso a simbolo dell'identità di un territorio da valorizzare, del gioco e del valore della libertà. Una bella impresa portata a termine anche bicicletta sull erba ingrandimento con il contributo di Legambiente, che pienamente riconosce quanto il giocare con l'aria restituisca importanza all'aria - come bene comune da preservare nella sua assoluta salubrità.
In linea con questo l'Associazione della Civiltà delle Erbe Palustri ha sia curato un altro piccolo display di giocattoli della tradizione in legno - molti dei quali erano oggetti di pregio e disponibili per l'immediato uso ludico - e sia ha portato i preziosi mini-pannelli dei Diritti Naturali di bimbe e bimbi di Gianfranco Zavalloni (di cui ci preme ricordare la prematura scomparsa, avvenuta nell'agosto del 2013).
E poi l'area dei bigliodromi di Baldazar, per combinare la peculiarità di una cultura ludica del passato (quale quella del bambino/a che due generazioni fa giocava in strada) e l'estro, vitale e bizzarro del ludico artista.
Di riflesso a questo, la presenza Mabuhay Associazione Italo-Filippina ha aggiunto un tocco di “cultura ludica altra”, facendoci apprezzare il valore/rispetto della differenza - facendoci conoscere il gioco del Sungka - che anche sul piano del gioco si manifesta ricca nel mondo.

La Festa si è compiuta pienamente attraverso le innumerevoli occasioni di laboratorio e gioco distribuite in vari luoghi del parco , ed anche della strada adiacente al parco - via Eraclea che, chiusa al traffico per l'occasione - come per l'anno scorso ha visto il gioco con i carrettini: una eccitante e fragorosa possibilità di giocare in strada con grossi giocattoli le cui ruote sono fatte con i cuscinetti a sfera (come detta la tradizione a partire dagli anni '50), portati anche quest'anno dalla Banda del Carrettino, occasione per reclamare "il diritto alla strada" (come bene interroga il Manifesto dei "Diritti Naturali di bimbe e bimbi".
Una parte da leone è stata fatta dai molteplici centri di interesse ludico condotti da adulti e bambini/e dediritto al gioco e la musica ingrandimento lla scuola dell'infanzia Manifiorite (fatti di tende, tunnel, maxi bigliodromo di legno, gioco del tris, l'albero gigante munariano, il drago arcobaleno, il laboratorio di costruzione di collane con la pasta colorata) e poi l'arricchimento portato dal dopo scuola di Città Meticcia e dell'ArciBombo e delle due classi della scuola elementare Pasini (4a e 2c) con il labirinto di lenzuola (evocativo della nostalgica esperienza ludica di quando si andava ad infilarsi a rincorrersi tra le lenzuola distese ad asciugare al sole, ben guardandosi dal farsi scoprire dalla mamma), e poi Che scatole! per il gioco libero di costruzione con Maxi Lego che non costano niente, e la pista Gjmkana in erba, che ha dato adito all'ideazione di molteplici versioni di gioco in un circuito (con pneumatici, rincorrendosi a piedi, in bicicletta), nonchè il gioco libero con una serie di pneumatici. Questo lo si considera di grande pregio per l'obiettivo del progetto di fare praticare ai minori di età il diritto al gioco in condizioni di autonomia e protagonismo. Queste ultime esperienze ludiche sono risultate degli encomiabili "sfondi" per liberare il gioco (in specifico quello iniziato protratto concluso dai bambini/e stessi senza intervento dell'adulto) riconosciuto come il "grande assente" dalla scena di gioco educativo delle generazioni di oggi (come c'è ne ha ricordato l'importanza Mauro Cervellati dell'Unicef Italia, ad inizio percorso di progettazione della Festa -in quel 15 ottobre 2013). Infatti, principio cardine di oggi per i nuovi animatori socio-culturali di città, è di affrancare il più possibile il gioco del bambino/a dalla continua pedante programmazione dell'adulto, restituendo valore, spazio e tempo a quel tipo di gioco spontaneamente iniziato e diretto dai minori di età. Non a caso Legambiente ci ha riconosciuto meritevoli di fiducia per questa iniziativa pubblica, che bene si sposa con la loro originale matrice: "100 strade per giocare" e "Riconquistiamo le nostre città".

Vi è stato l'acclamato grande ritorno di Kirtan, con i suoi tamburi per un laboratorio all'aperto di percussioni, anche con l'incanto portato dalla sua cornamusa in una promenade di gruppo. E poi anche la performance musicale (a conclusione del laboratorio dell'associazione Tititom, a chiusura di un percorso sviluppato settimana campana mondo ingrandimento presso il centro Quake).

Con la presenza del gruppo “Ravenna in tutti i sensi”, si è attivato un diverso e speciale laboratorio di decorazione artistica di scatoloni-case .
Speciale nota merita “Dialogando con i genitori”, un'attività nuova condotta dal tema di Psicologia Urbana e Creativa tesa ad interagire con i genitori presenti, al fine di coscientizzare gli stessi sul valore del gioco (infatti, sin dall'anno scorso ci siamo resi consapevoli di quanto fosse necessario che il gioco sia praticato e nel contempo coscientizzato, affinché possa portare i suoi pieni benefici a se, agli altri ed al mondo).
Ulteriori possibilità ludiche sono arrivate dalla presenza del Centro La Lucertola e il loro laboratorio dal titolo "Giocattoli dal mondo", condotti da operatrici delle associazioni TerraMia e Fatabutega; poi gli operatori della Coop. Impronte-kirecò con un laboratorio di "Impronte di colore", che ha riprodotto in piccolo quanto è stato realizzato nei laboratori scolastici; quindi gli operatori della Cooperativa Progetto Crescita impegnati nel laboratorio di costruzione del popolarissimo canestrino o bilboquet e con un set di Bigliodromi di cartone.

A sorpresa e verso la metà del pomeriggio, ci ha colti l'arrivo di uno sciame d'api che, con la loro regina, era in cerca di casa - trovando momentaneo appoggio su di un ramo di un albero presso l'ingresso del centro Quake, proprio mentre si stavano completando gli ultimi preparativi per l'esibizione musicale della piccola band che celebrava la conclusione del laboratorio musicale per giovani del Quake e condotta dall'associazione Tititom, prevista per le 17,00.... Il tutto si è concluso bene, e la Festa ha potuto concludersi come di previsto, e anzi si è coto come di buon auspicio questo "gesto di natura".

romeo ingrandimento
un grazie a Romeo del centro La quercia, indispensabile nel trasporto dei materiali, ricorrendo al mezzo fornito dalle circoscrizioni II e III
pompieri alla festa del diritto al gioco ingrandimento
pompieri affianco al Quake, per poter rimuovere lo sciame d'api, ricorrendo alla loro scale mobile

L'associazione Lucertola ringrazia i componenti di Se-Stante, ARAR, Arci, Aga, Uisp Ravenna tutti e tutte disponibili a supportare gli altri nei diversi centri di interesse ludici, Assessorato alla Cultura e Unità Pedagogica per il supporto fornito, e si spera di non avere dimenticato nessuno!
Si ringraziano tutti coloro che sino ad oggi hanno collaborato per la preparazione dell'evento e di coloro che sono stati generosamente presenti alla festa dando il loro servizio volontario, che assieme al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio, ha permesso di restituire alla comunità uno dei tanti rituali sani e conviviali che la comunità stessa necessita per ritrovarsi e rinsaldarsi, fatta di “ingredienti” semplici e relazioni sincere.

Un ultimo invito è quello di continuare ad approfondire e promuovere il principio che l'Infanzia e l'adolescenza sono beni comuni: urgente è promuovere l'interazione, l'autonomia ed il loro protagonismo in città.

Con questa Festa si spera di avere brevemente interrotto quella continuità che è divenuta normalità consolidata dell'infanzia che vive in città, e che già negli anni '70 era stata così delineata da Bruno Bettheleim: ".. l'importanza del gioco nell'educazione e nella socializzazione dei bambini/e è stata, in questo secolo, contemporaneamente sia riconosciuta in teoria e sia negata nella pratica. Se da una parte si è infatti divenuti più consapevoli del significato psicologico del gioco spontaneo, non strutturato, dall’altra le esperienze di gioco libero  concesse ai bambini/e appaiono sempre più ridotte. Le attività ludiche vengono sorvegliate e guidate e le giornate infantili vengono riempite da una così grande quantità di attività prefissate che ai bambini/e rimane molto poco tempo per giocare per conto proprio." (dal libro "Gioco e educazione", La Nuova Italia 1989)

La promozione dell'evento

I manifesti affissi in città e lo speciale manifesto plurilingue affisso alla scuola Pasini, alla Casa delle Culture, agli ingressi del parco Manifiorite nei due bar limitrofi al parco.

Il volantino porta nel suo fronte le informazioni essenziali per ubicare la festa e nel suo retro il programma della festa, dando anche giusto riconoscimento alla lunga lista di soggetti collaboranti.

L'immagine riportata nel volantino riprende ed anticipa un qualcosa che si è sviluppato nelle scuole durante l'ultimo incontro dei laboratori scolastici, quando la classe è stata invitata ad adoperarsi per un lavoro di sintesi (elaborando uno slogan a promozione del Diritto al gioco giacente su di uno sfondo colorato), mediante l'uso di varie tecniche espressive.

La memoria dei passi di avvicinamento precedenti

vedi link alla pagina che fa memoria della riunione del 15 ottobre 2013
vedi link alla pagina che fa memoria della riunione del 06 febbraio 2014
vedi link alla pagina che fa memoria della riunione del 27 marzo 2014
vedi link alla pagina che fa memoria della riunione del 15 maggio 2014

Si ricorda che la festa di questo 25 maggio è nella sua seconda edizione. Per visionare e conoscere quanto si è realizzato l'anno scorso esplorare la pagina di Archivio.

Il successo di questa seconda edizione lo si è misurato - almeno dal punto di vista di chi ha progettato ed organizzato l'evento - nella nuova disponibilità offerta dai soggetti vari affinchè vi sia anche per l'anno prossimo una terza edizione della Festa del Diritto al gioco - probabilmente da svolgersi nel pomeriggio di domenica 24 maggio 2015.
ciao!

Scarica versione PDF di quest'articolo dal titolo "Liberiamo il gioco" (2 pagine -210 Kb)

Per vedere introduzione alla prima edizione della Festa del Diritto al gioco a Ravenna vedi introduzione 26 maggio 2013
Per vedere introduzione alla seconda edizione della Festa del Diritto al gioco a Ravenna vedi introduzione 25 maggio 2014