www.DirittoAlGioco.net

Ravenna e la cultura ludica partecipata

 

index - introduzione - attività - tema - archivio - gruppo promotore - opinioni - logo

attività 25 maggio 2014

Attività a preparazione della Festa del Diritto al gioco del 25 maggio 2014

Attraverso l'insieme delle attività qui sotto descritte - in parte in corso ed in parte concluse - si presenta quanto il gruppo dei soggetti coinvolti nel progetto della festa pubblica stanno preparando per l'evento (che si articolerà tra momenti fissi - come la merenda e le performance musicali - e liberi - come i tanti centri di interesse ludico dove i partecipanti sono sempre liberi di scegliere):

liberiamo il gioco ingrandimento
"Liberiamo il gioco! perchè il gioco libera tutti" tema e slogan della festa, nonchè percorso di indagine di quest'anno
il vento soffia e fa spostare le persone che... ingrandimento
giocare all'aperto nel cortile scolastico (momento dei laboratori a promozione del diritto al gioco a scuola)
labirinti per le biglie di cartone ingrandimento
labirinti e bigliodromi per giocare con le biglie (istante colto durante il lab. formativo presso sede cooperativa Progetto Crescita)
laboratorio perscussioni con Kirtan ingrandimento
il laboratorio di percussioni nel parco con Kirtan che replicherà la sua presenza anche per questa festa

- ricerca fondi per la piena realizzazione ed arricchimento dell'evento (Fondazione Cassa di Risparmio, Ass. la Lucertola, Legambiente, Coop Aquileia, Arci provinciale); riunioni individuali e di gruppo con tutti i soggetti coinvolti e da coinvolgere (vedere relazioni degli incontri del 15 ottobre 2013, del 06 febbraio 2014, del 27 marzo 2014); organizzazione dell'evento in conformità con le procedure vigenti (richieste di patrocinio e collaborazione al Sindaco, coinvolgimento Unità Pedagogica Comune di Ravenna ed Assessorato alla Cultura, team Ravenna 2019, uso del parco, permesso di chiusura della strada adiacente al parco, coinvolgimento della Polizia Municipale, coinvolgimento ambulanza della Croce Rossa); attività di coordinamento, con produzione di "strumenti bussola" per monitorare l'evoluzione del progetto fino al suo compimento.

- 10 laboratori scolastici (di tre incontri cadauno) presso le scuole elementari Torre, Pascoli, Randi, Garibaldi, Tavelli progettati, organizzati e condotti da operatori dell'Ass. La Lucertola, Ass. Se Stante e Cooperativa Impronte. Laboratori centrati sulla promozione del Diritto al gioco in specifico e di diritti dei bambini/e in generale (secondo le indicazioni Unicef), come il diritto a partecipare ed esprimere le opinioni, ad associarsi, al nome ed identità, ricevere informazioni "a propria misura", all'inclusione di chi è svantaggiato. Il tutto facendo leva sul pensiero critico (fare esperienza, riflettere sulla stessa confrontando punti di vista), le abilità espressive, fino all'ideazione di slogan e manifesti (realizzati su di una base pre-stampata dalle officine del Comune di Ravenna, che verranno poi messi in mostra alla festa, presso il centro giovani Quake) a promozione del Diritto al gioco, con indagine sugli ostacoli che impediscono ai minori di età di giocare all'aperto;

- 3 laboratori formativi per educatori presso la sede dalla cooperativa Progetto Crescita: i labirinti per le biglie in scatola, giocattoli con le bottiglie di plastica, giocattoli con tappini e la manica a vento (uno degli elementi che caratterizzeranno la decorazione del parco durante la festa);

- 3 incontri di laboratoro presso il dopo scuola dell'Associazione Città Meticcia, tesi ad ideare e realizzare grande gioco da portare al parco;

- 3 incontri di laboratorio presso la scuola dell'infanzia Manifiorite: coinvolgendo genitori e bambini/e nell'apprendimento - via sperimentazione diretta e l'animazione educativa - della costruzione della tenda piccola e gigante, il villaggio, il tunnel, il labirinto;

- coinvolgimento del dopo-scuola ArciBombo presso la scuola elementare Pasini, con contributo Arci Provinciale;

- coinvolgimento nucleo educativo della Polizia Municipale per allestire e condurre percorso per biciclette con cartelli stradali, per bambini/e; nonchè attività di gioco in strada con i carrettini della Banda del carettino;

- 2 laboratori di 2 incontri ciascuno tenuti presso due classi della scuola elementare Pasini per realizzare oggetti ludici da giocare durante la festa;

- organizzazione della conferenza C'E' GIOCO E GIOCO con Roberto Farnè (Università di Rimini-Bologna) e Laura Casadio (psicoterapeuta dell'Ass. Psicologia Urbana e Creativa) per il 20 maggio 2014, ore 17,00 presso Aula Magna Liceo Artistico di Ravenna;

- "Dialogando con i genitori", dialoghi del gruppo Psicologia Urbana e Creativa con i genitori dei bambini/e che partecipano alle attività ludico-ricreative nei parchi cittadini durante il progetto IO FUORI GIOCO (seconda edizione - primavera 2014). Dialoghi aventi lo scopo di sollevare memorie ludiche dell'infanzia, confrontandole con le possibilità ludiche dei bambini/e di oggi e ricercare le possibili cause che impediscono loro di giocare all'aperto in città;

- inaugurazione della mostra "Medio e i suoi aquiloni" con annesso laboratorio supportati da fondi dell'Ass. La Lucertola e Legambiente Circolo Matelda: è uno specifico lavoro che l'Ass. La Lucertola sta conducendo per ricordare la figura di Medio Calderoni, situando il tutto proprio nel quartiere Darsena - dove l'anziano Medio risiedeva e faceva volare i suoi aquiloni artistici, che per questo operare ludico, generoso e libero, bene si è meritato l'appellativo di "tappezziere del cielo e poeta delle comete" (termine con sui si chiamavano gli aquiloni tradizionali). Una mostra che materializza il lavoro di pochi amici, condotto da diversi anni e che all'inizio ha visto la pubblicazione del sito internet www.medioeisuoiaquiloni.it

costruire il villaggio ingrandimento
costruire tende per creare spazi di gioco ed intimità (immagine della festa del 2013)
medio calderoni ingrandimento
Medio Calderoni con l'aquilone artistico (vascello Vikingo) che ha vinto il festival scandinavo, tanti anni fa
giocare con i carrettini in strada
giocare con i carrettini in strada, un esempio di riappropriazione dello spazio pubblico, dove l'interazione tra generazioni non è influenzato dal background culturale

- contributi creativi (battelli costruiti con legno spiaggiato, automobiline e bambole realizzate con materili naturali di risulta) provenienti dai laboratori condotti presso la scuola elementare "Moretti" di Punta Marina dal titolo "Messaggi in bottiglia", e "Giocare la differenza di genere" condotti presso la scuola elementare C. Balella di Piangipane;

- elaborazione degli strumenti della promozione dell'evento: manifesto per l'affissione, volantino promozionale formato A5 con programma, locandina, lettere di invito alle riunioni; promozione della conferenza "C'è gioco e gioco" del 20 maggio;

- la merenda con prodotti naturali offerta dal contributo della Coop Aquileia

- e poi l'ideazione, stampa distribuzione gratuita della maglietta per lo staff di adulti e bambini/e che saranno a supporto della festa; la realizzazione della cartellonistica stradale utile alla gimkana per un percorso in bicicletta che i bambini/e faranno con la guida di un esperto Uisp-Fiab; la collaborazione con il comitato Unicef locale per fare ricorso a strumenti Unicef a promozione dei diritti dei bambini/e (incontro con Mauro Cervellati, pubblicazione "I diritti dei bambini in parole semplici", mini-depliant della Pimpa); la partecipazione di Kirtan per attivare il laboratorio di percussioni; la performance dei giovani del Quake al seguito di laboratorio musicale attivato nel centro Quake stesso.

- sono in definizione altri punti: la partecipazione del Centro La Lucertola (dei mediatori linguistici/culturali dell'ass. Terra Mia per attivare un punto di "giochi dal mondo" e per facilitare il dialogo ed interazione con i "genitori migranti", e laboratorio sul giocattolo per conto dell'ass. Fatabutega); la presenza del tavolo dei giocattoli della tradizione dell'Ecomuseo di Villanova di Bagnacavallo; la presenza di magnifici bigliodromi di Roberto Papetti con laboratorio annesso; e poi la presenza del gruppo "Ravenna in tutti i sensi" con un laboratorio del colore ed uno libero; quindi la partecipazione del gruppo ARAR planetario.

- documentazione delle attività in corso ed aggiornamento del sito internet www.dirittoalgioco.net, e organizzazione e supporto ad attività di videomaker per realizzare video della festa.

- informazione sull'evoluzione del progetto verso ConCittadini Regione EmiliaRomagna.

- seguirà valutazione dell'evento festa e del processo connesso

Si ringrazia si da ora l'insieme dei soggetti coinvolti: Assessorato Istruzione e alla Cultura, Ravenna 2019, Circoscrizione III e Casa delle Culture delle Culture - ARCI – LEGAMBIENTE - FIAB - UISP - CSI - ECOMUSEO VILLANOVA DI BAGNACAVALLO - ASSOCIAZIONE PSICOLOGIA URBANA E CREATIVA - SCUOLA DELL'INFANZIA MANIFIORITE - LE SCUOLE ELEMENTARI Torre, Randi, Garibaldi, Pascoli, Tavelli, Moretti di Punta Marina, C. Balella di Piangipane - CONSIGLIERI AGGIUNTI (Meho e Diop) – Coop. IMPRONTE - CENTRO LA QUERCIA - ASSOCIAZIONE CULTURALE PEDIATRI - ASSOCIAZIONE DALLA PARTE DEI MINORI - POLIZIA MUNICIPALE- Coop PROGETTO CRESCITA - ASSOCIAZIONE SESTANTE- COMITATO UNICEF LOCALE - CENTRO LA LUCERTOLA - ASSOCIAZIONE TITITON - CENTRO GIOVANI QUAKE - GRUPPO RAVENNA IN TUTTI I SENSI - .. altri si aggiungeranno