www.DirittoAlGioco.net

Ravenna e la cultura ludica partecipata

 

index - introduzione - attività - tema - archivio - gruppo promotore - opinioni - logo

Archivio festa 22 maggio 2016

ARCHIVIO delle attività realizzate durante la Festa del diritto al gioco del 22 maggio 2016

Anche per questa quarta edizione della Festa - e dal punto di vista dei bambini e bambine che vi hanno aderito - si è vista al parco delle Manifiorite una ricca possibilità di esercitare la libera e gratuita scelta verso molteplici attività ludiche e creative, organizzate per centri di interesse, tutte tese a cogliere i diversi obiettivi della Festa, quali: la stimolazione di interazioni inter generazionale ed interculturale, la promozione del gioco agito e coscientizzato, per una Festa più inclusiva, restando in un ambito di sostenibilità che abbia anche una valenza estetica, e che soprattutto testimoniasse la partecipazione ad un processo di co-che scatole in equilibrio collegamento costruzione del progetto e dell'organizzazione della Festa, e del suo percorso di eventi che lo ha anticipato, nonchè di alto livello di protagonismo dell'infanzia nel creare con gli adulti le risorse da giocare.salterello collegamento

La scuola “Manifiorite” ha condotto un laboratorio sul giocattolo, aperto a tutti/e i frequentatori della Festa, coinvolgendo i partecipanti nell’assemblaggio e decorazione di “SALTERELLI PINOCCHIETTI”. Un laboratorio gestito da insegnanti e genitori (la cui competenza di costruzione è stata inizialmente appreso a scuola con la collaborazione "del giocattolaio", e poi i genitori hanno continuato autonomamente a casa a preparare il materiale per la Festa). La piccola scuola dell'infanzia ha anche allestito un display di MANIFESTI con la promozione dei diritti (che ha avuto ispirazione dalla lettura del libro “il mio Pinocchio” di Giusy Quarenghi); poi sono stati preparate a scuola con i bambini/e e portate al parco le MASCHERE, largamente gradite alla festa dell’anno scorso.

La scuola “Arcobaleno dei bimbi” ha portato la proposta ludica “CHE SCATOLE !” fatte di di carta, colore e scatoloni, rinforzate con nastro da pacchi colorato, da usare come mattoncini per il gioco delle costruzioni (già usato con successo alla Festa di due anni fa vedi LINK). Queste sono state il frutto di 3 incontri di laboratorio svolti in orario scolastico, coinvolgendo i genitori a giocare con la carta da giornale con i bambini/e, e poi nella pittura e rinforzo delle “scatole ripiene”.

giochi d'oriente collegamento L’associazione Mabuhai Italia/Filippina ha proposto GIOCHI D'ORIENTE che (come l’anno scorso) si è manifestato con un ricca possibilità di giocare giochi da tavolo orientali - tutti costruiti da Giorgio - a cui si è associato il gioco filippino chiamato “Pabitin” (che significa fare scivolare, penzolare dall’alto verso il basso), una specie del nostro gioco tradizionale della “pignatta”, collegato ad una leggenda; e poi anche il gioco con le noci di cocco, usate come se fossero supporti per i piedi per il gioco dei trampoli.

Tramite una collaborazione tra Arci doposcuola di Ponte Nuovo e Sabina della Lucertola Ludens, sono stati portati al parco un insieme di strumenti sonori costruiti in laboratorio e poi piazzati o appesi sotto ad un albero, per realizzare l’attività “L’ALBERO DEI SUONI”: ovvero giocare a ritmo di percussioni.

FITNESS FOR KIDS - Sempre collegato al suono c'è stata una nuova attività proposta da Asd Italian Fitness School, in Bagunça® cui si è creato uno spazio visibile ed appropriato per giocare con la musica ed il corpo. (vedi video), ma anche sperimentare qualcosa delle attività dell'outdoor pre-sportivo.giochi da tavolo autismo collegamento

A metà pomeriggio poi, non poteva mancare il momento della MERENDA, che come sempre è concitato fino all' esaurisi di tutte le scorte!

La coop La Pieve ha attivito un centro di interesse ludico con GIOCHI DA TAVOLO RIADATTATI AL PRATO, realizzati nella Casa Circondariale di Ravenna al seguito di un loro corrente progetto. Queste attività hanno veramente coinvolto piccoli gruppi di giocatori e giocatrici, amichevolmente e competendo tra loro, le regole ed il caso offerto dalle chances del tiro con il dado. E poi altre proposte di giochi da tavolo frutto di una sperimentazione pluriannuale con ragazzi con autismo - una vera sfida.
Vicino a loro e loro amici, e per la prima volta, era la presenza dei Sir Chester Cobblepot, un gruppetto di ravennati creativi dediti all'ideazione di giochi da tavolo.

Come l’anno scorso e gli anni precedenti la strada via Eraclea è stata chiusa al traffico per il gioco con i CARRETTINI DI STRADA della Banda del carrettino.
CARRETTINI IN ERBA - E come novità sono stati portati alcuni carrettini per giocare sull’erba tutto frutto di laboratorio che ha coinvolto gli scout Gruppo Ravenna 4 (della parrocchia san Pier Damiano), realizzati presso Kirecò il 15 maggio.

S è vista la presenza del Maestro Baldazar e anche sono state svolte altre attività che hanno recuperatcarrettini collegamento o giochi realizzati negli anni precedenti, quali il labirinto delle lenzuola (detto anche Labirinto Matisse) la ragnatela di Arlecchino.

Il gruppo Ricircolo/Barattolo ha condotto un mercatino del baratto di giochi e libri per bambini/e. Per questa attività è risultato importante promuovere la stessa nella settimana precedente la Festa, affinché i partecipanti portino qualcosa da scambiare al baratto. Nel volantino con cui si vuole promuovere l’attività nelle scuole limitrofe al parco anche si è associato un gettone per attivare lo scambio.

Da Lia e il suo gioco del Twist da prato, operatrice del Consorzio Selenia, è stata predisposta una parziale mostra dal titolo “Divers-Aria, prospettiva insolita sull'aria, OPERE, QUADRI, INSTALLAZIONI” progettate e realizzate dai Servizi per disabili Bosco Baronio, Delfino, Zodiaco, Teodorico, Aquilone, Isola, Girasoli, Coccinella e Santa Rita e dai Centri di aggregazione per minori Faro e Quake, a cui si è aggiunta l'attività sul prato con il gioco del Twister adattato all'occorrenza.accarezzare l'asinello collegamento

ZOOANTROPOLOGIA - Altra bella novità: ZebraGialla era presente in uno spazio circoscritto con due asinelli da accarezzare e strigliare, prendersene cura imparando ad apprezzare il rispetto per ogni essere vivente. Una proposta veramente convincente.

Due le performance degli adolescenti del centro giovani Quake: una banda musicale collegata a percorso di laboratorio con l'associazione Tititom, ed un team di hip hop dancer dal nome "I randagi crew" avranno momenti di attenzione del pubblico allargato. Questo ha accompagnato l' inaugurazione di nuovi murales frutti di decoro e responsabilità, tutte opere frutto dei ragazzi/e del centro stesso che ora sentono più loro il luogo, anche contrastando i pregiudizi che su di esso si fanno circolare.

L'amico Dario è stato altamente e bonariamente disponibile con un tavolo per fare giocare chi vuole con quattro dei suoi giochi da tavolo.albero fiorito di carta collegamento
Vicino a lui una rappresentanza della casa di produzioni di giochi da tavolo Sir Chester Cobblepot (piccola azienda locale che cerca di valorizzare la creatività di autori locali per poi proporsi a livello internazionale), proponendo il gioco con la sua linea per giovani, famiglie, party games, giocatori occasionali.

Bella la proposta fatta dagli operatori dell'associazione TerraMia e Fatabutega del centro La Lucertola, con il loro laboratorio degli "Alberi fioriti".

Hanno aggiunto colore le magliette vestite da chi fa servizio alla Festa

Il tutto si è avviato in settembre 2015, attraverso un iniziale tavolo inter-associativo che comprende le associazioni Lucertola Ludens, Orsa Maggiore, Villaggio Globale, Arci, Dalla Parte dei minori, e Consorzio Selenia, poi allargato a comprendere anche le associazioni La Ruota Magica, ZebraGialla, Cooperativa La Pieve.
Per la presenza alla Festa del 22 maggio, si ringrazia anche le Ass.ni Terra Mia, Tititom, Comitato Unicef locale, Kirecò, AGA, ARAR Planetario, Mabuhay Italia-Filippine, Legambiente Circolo Matelda, Ass. OccupArti, Arc.Lab Studio Associato di Architettura, l'amico Baldazar-Mastro Nocciola e Dario, gruppo I Randagi (Crew NSF), MCE Movimento di Cooperazione Educativa degli insegnanti, Coop.va Progetto Crescita, Asd Ifs Italian Fitness School, i doposcuola dell'Arci, collettivi Scimmie di mare e di Galla & Teo e associazione Fatabutega, la casa di produzione giochi Sir Chester Cobblepot